domenica 19 gennaio 2014

Se tu uomo



Se tu uomo,vieni per credermi,
io uomo, ti crederò.
Qui, noi poseremo il cuore,
sopra le palme aperte
e spegneremo la luce.
Sarà più facile parlarci.
Il nostro sangue fluirà
con levità di rugiada ottobrina,
il vento si placherà nei cortili
e all'alba ritroveremo azzurro il cielo

                Se tu uomo vieni però, un'altra volta
                come il bambino va al paria
                o il padrone al servo,
                carismata dalla tua "assoluta verità"
                per piegare il mio umile cuore,
                 .....allora è meglio uscire
                 subito al sole
                 a prendere il viottolo degli orti
                 col pugno chiuso sull'osso del coltello.

Perchè tra l'uomo e l'uomo
acido ancora sarà il sangue.
                                                                 
                                          





Nessun commento:

Posta un commento